La cosa che mi ha sempre aiutato a praticare al meglio il freestyle motocross è il pubblico; la gente, tutte quelle persone che ti applaudono e ti vedono come qualcosa di irraggiungibile, un campione, un eroe.
Ho sempre saltato in moto cercando di dedicare quello che facevo a chi mi guardava, considerandomi più fortunato di loro – o meglio di avere una missione, quella di regalare emozioni, felicità e piacere. Spesso, dopo gli spettacoli, mi fermavo più degli altri per regalare anche pochi secondi a persone che per arrivare a me, anche solo per una firma, una foto o per una parola avevano fatto molti sacrifici.

Oggi la mia missione continua, e dedicare ciò che più mi piace fare a delle persone che sono state un po’ meno fortunate, e che ogni volta che incontro sono forse loro a fare del bene a me piuttosto che viceversa, mi riempie la vita di gioia. Mi fa stare bene, mi dà determinazione per cercare vivere al massimo e di non sprecare i doni che abbiamo.

Quando mi guardo intorno e vedo chi mi circonda, capisco tante cose e sono fiero dei miei amici e della mia squadra. Mi sono attorniato di persone vere ed è per questo motivo che siamo lì tutti, una grande famiglia, a fare la mototerapia. Tutto questo è una figata, quelle poche ore che dedichiamo a quei ragazzi sono immensamente cariche di emozioni e di felicità. Quando sono triste queste cose mi riescono a rallegrare e mi riempiono di gioia.

Leggiti il report, e guarda il video, su
http://www.motoreetto.it/mototerapia-savona-video-racconto-splendida-giornata/

After you have typed in some text, hit ENTER to start searching...